Trentino Sviluppo

Visit Trentino
Visit Trentino

Cipriani Profilati amplia lo stabilimento di Rovereto

28 nuove assunzioni ed export aperto a 45 Paesi del mondo

Ha i piedi saldi in Trentino da quattro generazioni e lo sguardo aperto al mondo Cipriani Profilati srl. L’impresa leader nella produzione di orditure metalliche per cartongesso e controsoffitti modulari, fondata a Volano nei primi anni sessanta e trasferitasi a Lizzana di Rovereto nel 1999, si prepara a crescere e ad affrontare le sfide del settore edilizio conquistando mercati emergenti, come il Nordafrica e il Sudamerica.

IERI: un leaseback su misura nell’ottica della reciprocità per superare la crisi dell’edilizia

Di essere un’impresa seria e affidabile, capace di reinventarsi anche nei momenti difficili, la Cipriani Profilati lo aveva già dimostrato nel 2013, quando, in piena crisi edilizia, aveva ceduto in leaseback a Trentino Sviluppo il proprio stabilimento produttivo di Lizzana, ottenendo così la liquidità necessaria per acquistare nuovi macchinari per un valore complessivo di un milione di euro e assumere più dipendenti, passando da 47 a 70 unità lavorative. “Dal gennaio 2014 ad oggi – commenta l’assessore provinciale allo Sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi – Cipriani Profilati ha sempre restituito in maniera puntuale le rate del prestito, riacquistando con la formula del leasing l’immobile nel quale opera e continuando a crescere. Ciò testimonia come siano finiti i tempi dei contributi standardizzati uguali per tutti, in favore di una nuova era, fatta di interventi pubblici confezionati su misura in base al fabbisogno della singola azienda e nel rispetto del principio di reciprocità, in cambio cioè di clausole sociali legate all'implementazione dell’occupazione e della ricerca industriale”.

OGGI: un’intesa per crescere, con le radici in Trentino e lo sguardo aperto al mondo

L’iniezione di liquidità garantita dall’operazione del 2013 ha permesso all’impresa metallurgica di consolidare la propria presenza in Europa, in particolare nei Paesi scandinavi, e di aprirsi ai mercati emergenti, come quello nordafricano e sudamericano, dove l’economia del mattone non è mai entrata in crisi. “Grazie ai percorsi di accompagnamento all’internazionalizzazione offerti da Trentino Sviluppo – spiega il presidente Giuseppe Cipriani – qualche anno fa abbiamo aperto una filiale in Brasile e proprio il mese scorso abbiamo partecipato alla missione economico-commerciale in Cile, con l’intenzione di rafforzare la nostra presenza sul mercato centro e sudamericano”. Ad oggi infatti, il 70% delle 72 mila tonnellate di prodotto lavorato che escono dallo stabilimento di Lizzana sono destinate all’esportazione, per un volume d’affari che nel 2017 è aumentato del 32% rispetto al 2016 e che secondo le previsioni raggiungerà i 62 milioni di euro entro fine 2018.

Un trend positivo che genera però la necessità di spazi produttivi più ampi. Di qui, una nuova intesa con Trentino Sviluppo e la Provincia, siglata all'inizio di aprile, per acquisire un’ulteriore porzione di terreno adiacente allo stabilimento di Lizzana, dove installare una nuova linea di laminazione.

DOMANI: 28 nuove assunzioni e il rafforzamento della filiera metallurgica locale

Grazie all'intesa, Cipriani Profilati, che ad oggi occupa 16 mila metri quadrati coperti su una superficie di 33 mila metri quadrati a Lizzana di Rovereto, ha acquisito un terreno adiacente allo stabilimento di proprietà di Trentino Sviluppo del valore di 1,68 milioni di euro. Su quest’area, di oltre 12.600 metri quadrati, l’impresa costruirà entro l’estate 2019 un capannone di 3.500 metri quadrati, attrezzandolo con macchinari e sistemi innovativi per circa 2 milioni di euro.

Importanti anche le ricadute occupazionali dell’operazione: l’impresa metallurgica, che ad oggi conta 72 dipendenti, si impegna infatti ad assumere 28 nuovi addetti, raggiungendo così le 100 unità lavorative assunte a tempo indeterminato. “Cerchiamo operai specializzati, giovani, con una solida formazione meccanica ed elettronica – spiega il patron Cipriani – e se abbiamo scelto di restare in Trentino è proprio perché qui troviamo lavoratori e competenze non sempre disponibili altrove”.

Ad uscire rafforzata dall’intesa sarà infine anche la supply chain locale, grazie allo sviluppo di nuove partnership tra Cipriani Profilati e le aziende trentine della filiera metallurgica.


Indietro