http://www.visittrentino.it
Individuare le aree critiche

Individuare le aree critiche

Innovare è la chiave per essere competitivi. Se sei convinto che la tua azienda possa e debba innovare, progettando e sperimentando nuovi prodotti o servizi, ma anche diversi assetti organizzativi o nuove modalità di approccio al mercato, Trentino Sviluppo può aiutarti a trovare gli strumenti giusti. Alle imprese locali vengono infatti proposti servizi innovativi non già disponibili sul mercato capaci di incidere sull’efficienza, sulla struttura e sull’organizzazione aziendale.

Per individuare le aree critiche che necessitano di intervento Trentino Sviluppo svolge un’analisi approfondita della realtà a mezzo di “check up ” e “audit ” aziendali. Strumenti che permettono di fotografare la situazione contingente ed analizzare nello specifico i punti di forza e di debolezza (analisi SWOT ) dell’azienda.
Solo in seguito, sulla base dei risultati ottenuti, vengono predisposte eventuali linee guida per il miglioramento e l’implementazione dei processi produttivi e/o lo sviluppo di nuovi prodotti, anche attraverso il ricorso a metodologie quali il Kaizen o il QFD .

Fondamentale in tal senso l’apporto del team delle “Aquile blu ”, i senior manager dell’innovazione che grazie a profili professionali e percorsi formativi differenti sono in grado di far fronte alle esigenze di innovazione di aziende afferenti a diverse aree di business.

Altro strumento a disposizione dell’imprenditore per “conoscere se stesso” è l’adesione al progetto I3SME (Introducing Innovation Inside SME ): attraverso la somministrazione di un questionario e la successiva elaborazione mediante un apposito software, l’azienda può identificare il proprio “posizionamento” e confrontarlo con altre realtà italiane ed europee. Emergono in tal modo chiaramente quali sono i propri punti di forza e quali invece gli elementi di debolezza.

Stampa la pagina: Stampa la pagina
Condividi:
  • Condividi su Delicious
  • Condividi su Technorati
  • Condividi su su Facebook
  • Condividi su su Digg